News dall'Etna Valley  

I nostri articoli e i titoli degli articoli  che trovate nella rassegna stampa

 
20/11/2009
IL PROGETTO RALOS AL PREMIO NAZIONALE 'INNOVAZIONE
 
 

Dopo il successo internazionale ottenuto al "NanoChallenge and PolymerChallenge 2008" - nel corso del quale si e' classificato tra i primi 5 finalisti selezionati su base mondiale, per la categoria PolymerChallenge - il progetto RALOS dei ricercatori catanesi Giuseppe Suriani, Salvatore Bagiante, Michele Corselli, Vittorio Privitera, Guglielmo Fortunato, e' stato selezionato per partecipare al "Premio Nazionale per l'Innovazione" che si svolgera' a Perugia il 4 Dicembre prossimo. Il Premio rappresenta la piu' importante manifestazione a livello nazionale nell'ambito delle business plan competitions.
RALOS e' un prodotto innovativo che collega, in modo inconsueto, l'alta tecnologia e la moda: attraverso l'uso di celle solari flessibili che vengono inserite nei capi d'abbigliamento - giubbotti, t-shirt, felpe, pantaloni, etc. - in cui vanno a formare disegni o scritte, sara' possibile produrre l'energia elettrica sufficiente per alimentare piccoli dispositivi elettronici portatili (cellulari, Mp3 players, PDA, etc.). Le Solar Writing sono inoltre rimovibili e riutilizzabili in piu' capi e daranno impulso a una nuova moda, tecnologicamente avanzata: la "Solar Technological Fashion".
Per maggiori informazioni...

 
   
     

 
30/04/2009
WORKING CAPITAL CAMP DI TELECOM ITALIA A CATANIA
 
 

Mercoledi' 29 Aprile si e' svolto, presso l'ex Monastero dei Benedettini, l'evento promosso da Telecom Italia, "Working Capital Camp", per trovare idee imprenditoriali e progetti innovativi per il mondo del web 2.0.
In apertura si e' tenuto un interessante dibattito sull'innovazione, moderato da Riccardo Luna, direttore di Wired Italia, e che ha visto gli interventi di Franco Bernabe', amministratore delegato di Telecom Italia, Domenico Bonaccorsi, presidente di Confindustria Catania, Harald Bonura, avvocato amministrativista, Antonio Presti, mecenate e ideatore del museo di Librino, Gianluca Dettori, fondatore di dPixel.
Alla fine del dibattito, negli interventi del pubblico sono stati espressi dei dubbi sulla formula scelta da Telecom per trovare idee nuove e sul tipo di sostegno che la società conta di dare ai progetti che saranno selezionati. Sostegno che, come e' stato chiarito da Franco Bernabe', consistera' in una prima fase, nel mettere a disposizione dei nuovi progetti, tutte le risorse tecnologiche, le strutture e le competenze che sono oggi in azienda e che possono permettere ad un progetto di partire con un supporto poderoso.

Chiuso il dibattito, si e' passati alla presentazione dei 37 progetti che erano stati proposti nella fase di lancio dell'evento. Questa fase avrebbe meritato pero' una migliore organizzazione: infatti, le presentazioni si sono svolte due per volta, in contemporanea in due diverse aule non ben attrezzate allo scopo, per una durata massima di venti minuti ad intevento. Molti i progetti interessanti che avrebbero meritato piu' spazio e un maggior approfondimento.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.workingcapitalcamp.com.

 
 
     

 
30/04/2009
LA CRISI IN ETNA VALLEY
 
 

30/4 DISOCCUPATI, +46% NEL PRIMO TRIMESTRE
"Il primo trimestre del 2009 si puo' considerare il periodo della piu' grande emergenza sindacale mai verificatesi dal 1995. Mediamente abbiamo avuto 6 comunicazioni al giorno di ricorso agli ammortizzatori sociali". Molte ombre e poche luci, dunque alla vigilia del Primo maggio...

28/4 "L'ODA NON DA' NESSUNA CERTEZZA SUL FUTURO"
A rischio sono 465 posti di lavoro tra medici, infermieri, educatori egarantita a 1.500 disabili catanesi specialisti della riabilitazione, e l'assistenza

25/4 - "I LAVORATORI NUMONYX NON SONO SCARTI"
Presidio davanti ai cancelli della St per chiedere garanzie sui 400 dipendenti trasferiti

8/4 - WYETH
Attesa la visita dei dirigenti della Pfizer, colosso della farmaceutica che ha acquisito lo stabilimento catanese di Wyeth

6/4 - SAT
Parte la Cassa Integrazione in deroga per i 165 dipendenti

6/4 - RIELA GROUP
A rischio il lavoro per 25 dipendenti per mancanza di commesse

 
   
     

 
 
30/04/2009
PRESENTATO AL WORKING CAPITAL CAMP IL NUOVO METODO ANTISPAM CHECKMATE
 
 

Nel corso del Working Capital Camp, il direttore di "Etna Valley.com", Salvo Vazzana, ha tenuto l'intervento dal titolo "La soluzione definitiva del problema spam: il metodo Checkmate", presentando il suo progetto per risolvere il problema spam grazie ad un approccio nuovo rispetto a quelli seguiti finora.

Si tratta di un'innovazione che offre molti vantaggi e che fa della sua semplicita' di implementazione un punto di forza.

Per maggiori informazioni visitate il sito:
www.antispam-checkmate.it
oppure scrivete
a salvo.vazzana@etnavalley.com.

   
     

 
29/04/2009
TLC: LA CATANESE TEMIX REALIZZERA' NUOVA RETE IN IRAQ
 
 

Le Tlc irachene saranno targate Italia.Sara' la catanese Temix a realizzare il Piano per il ripristino della rete di telecomunicazioni in Iraq.
L'azienda ha firmato a Catania un accordo con la Iraqi Republic Railways, il gruppo di societa' irachene che ha ottenuto dal governo di Baghdad la concessione per la ricostruzione delle reti infrastrutturali di telecomunicazione.
Il progetto prevede la creazione di un network che, attraversando tutto il paese, servira' le citta' di Baghdad, Wasset e Missan e coprira' circa 10 milioni di abitanti.

 
   
     

Asca

 
20/04/2009
DOSSIER STMICROELECTRONICS - NUMONYX
 
 

Vi segnaliamo il Dossier "Da STMicroelectronics a Numonyx: tutti i dettagli di un'operazione poco chiara"
pubblicato nel sito Fiom Cgil Sicilia,
utile promemoria su tutti i passaggi che hanno portato all'attuale crisi del sito catanese...

 
   
     

CGIL

 
14/04/2009
WORKING CAPITAL CAMP DI TELECOM ITALIA A CATANIA
 
 

Mercoledi' 29 Aprile si e' svolto, presso l'ex Monastero dei Benedettini, l'evento promosso da Telecom Italia, "Working Capital Camp", per trovare idee imprenditoriali e progetti innovativi per il mondo del web 2.0.
In apertura si e' tenuto un interessante dibattito sull'innovazione, moderato da Riccardo Luna, direttore di Wired Italia, e che ha visto gli interventi di Franco Bernabe', amministratore delegato di Telecom Italia, Domenico Bonaccorsi, presidente di Confindustria Catania, Harald Bonura, avvocato amministrativista, Antonio Presti, mecenate e ideatore del museo di Librino, Gianluca Dettori, fondatore di dPixel.
Alla fine del dibattito, negli interventi del pubblico sono stati espressi dei dubbi sulla formula scelta da Telecom per trovare idee nuove e sul tipo di sostegno che la società conta di dare ai progetti che saranno selezionati. Sostegno che, come e' stato chiarito da Franco Bernabe', consistera' in una prima fase, nel mettere a disposizione dei nuovi progetti, tutte le risorse tecnologiche, le strutture e le competenze che sono oggi in azienda e che possono permettere ad un progetto di partire con un supporto poderoso.

Chiuso il dibattito, si e' passati alla presentazione dei 37 progetti che erano stati proposti nella fase di lancio dell'evento. Questa fase avrebbe meritato pero' una migliore organizzazione: infatti, le presentazioni si sono svolte due per volta, in contemporanea in due diverse aule non ben attrezzate allo scopo, per una durata massima di venti minuti ad intevento. Molti i progetti interessanti che avrebbero meritato piu' spazio e un maggior approfondimento.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.workingcapitalcamp.com.

   
     

 
14/04/2009
VENERDI 24 APRILE, MANIFESTAZIONE DEI LAVORATORI DELLA NUMONYX
 
 

I lavoratori di M6 Numonyx protesteranno davanti la sede di quella che e' stata la loro azienda fino al 2007 e che oggi rischia seriamente di chiudere.
Essi chiederanno di incontrare il Management della sede Catanese per chiedere il rispetto degli impegni presi con gli accordi firmati dal 2000 ad oggi.
La manifestazione si svolgera' venerdì 24 Aprile, alle ore 10.00 davanti ai cancelli della STMicroelectronics.

 
   
     

 
 
31/03/2009
EDIZIONE PRIMAVERILE CORSO IN PARLARE IN PUBBLICO
 
 

Public Speaking - Apertura nuove adesioni.

Il corso ha l'obiettivo di sviluppare le proprie capacità comunicative tramite un approccio conoscitivo delle teorie e tecniche di comunicazione efficace e un approccio pratico, realizzando un training in aula supportato da strumentazioni audio e video.
La comunicazione in pubblico o con i media diviene uno strumento importante tramite il quale e' possibile esprimere valori quali credibilita', competenza e onesta' o semplicemente finalizzata ad implementare le proprie capacita' comunicative.
Stress, ansia o semplicemente l'assenza di un buon allenamento (training) a parlare sia ad un auditorium, che di fronte alle telecamere, possono inficiare il buon esito della vostra esposizione e limitare la vostra efficacia comunicativa.
Il corso di formazione sara' sviluppato a Catania, avra' una durata di 10 ore realizzate in due giornate full immersion.
Descrizione sintetica degli argomenti:
-Fondamenti e teorie della comunicazione interpersonale
-Comunicazione verbale e non verbale
-Preparazione del discorso
-Oratoria e retorica
-Strategie, strumenti, trucchi
-Gestione dello stress
-Il pubblico
-supporti visivi e audiovisivi
-Gli errori
-Media training
-Comunicazione e lavoro
-Presentarsi, accomiatarsi e regole, bon ton e convenzioni relazionali
-Training con registrazione audio e video
Per informazioni: 095 6170463 - 3493819317
info@parlareinpubblico.it
www.parlareinpubblico.it

 
   
     

 
30/03/2009
RIAPRE UNIMATICA APINDUSTRIE
 
 

Riapre la Sezione di UNIMATICA all'interno di APIndustrie Catania. La nuova sezione, raggruppa le imprese Associate che operano nel settore ICT della Provincia di Catania (Produzione e servizi dell'informatizzazione, progettazione, elaborazione e trasformazione dei dati).
Andrea Tassone, promotore dell'iniziativa, e' stato eletto all'unanimita' Presidente della Sezione da tutti i componenti dell'Assemblea. Il ruolo di rappresentanza della Categoria nei confronti delle principali istituzioni pubbliche e private nazionali e' svolta da UNIMATICA-CONFAPI che associa 1.775 imprese dislocate su tutto il territorio nazionale in rappresentanza di circa 20.000 addetti.
"Come Associazione di Categoria", dichiara il neo presidente Andrea Tassone, "ci impegneremo al massimo per favorire tutte le iniziative volte a fare sistema. E questo, non soltanto perche' le nostre PMI, proprio a causa delle loro ridotte dimensioni non possono avere da sole tutte le competenze e la capacita' di ricerca e di innovazione che oggi il settore richiede, ma anche per consentire loro di espandersi su nuovi settori produttivi debellando l'attuale nanismo."
I principali temi da concretizzare e discussi durante l'Assemblea: rafforzare il rapporto con i Distretti Produttivi e Tecnologici in e fuori Sicilia; realizzare un documento da sottoporre alle strutture di Governo degli Enti Locali evidenziando i punti di forza e di debolezza del settore ICT delle PMI territoriali e suggerendo ipotesi di sviluppo e soluzioni a breve,medio e lungo termine; Agevolare la crescita imprenditoriale favorendo la creazione di rete virtuali di imprese volte all'acquisizione di commesse complesse; valorizzare la partecipazione attiva dell'assemblea.

 
   
     

Apindustrie Catania

 
 
19/02/2009 ARTIGIANATO

Il GRID COMPUTING PER L'INNOVAZIONE DELLE IMPRESE SICILIANE
di Stefano Lo Cicero Vaina

La rivoluzione del Grid Computing targato Italia arrivata. Migliaia di processori collegati tra loro, potenza di calcolo e spazio-disco pressoch illimitati: con queste caratteristiche anche il Belpaese entra in Europa col suo unico, immenso super computer. La griglia computazionale funziona come un grande laboratorio virtuale: le sale macchine dove vivono i super computer sono posizionati in diverse citt, nei laboratori delle universit e dei centri di ricerca. Il Garr, la rete italiana dellUniversit, permette ai sistemi di processori di comunicare tra loro, pur a distanza, attraverso la connessione a larghissima banda.
Una sorta di internet, insomma, che, come in un sistema di vasi comunicanti, consente la condivisione delle risorse scientifiche, sfruttando la potenza dei sistemi di processori. I primi, in Europa, a ideare una griglia con eccezionali capacit di calcolo e di accumulo dati furono gli scienziati del Cern di Ginevra, a met degli anni Novanta. Avevano bisogno di un mezzo capace di garantire lo scambio e la condivisione di dati e studi scientifici, da valutare e modificare in tempo reale, direttamente dal proprio pc. Da allora linteresse per il calcolo avanzato si diffusa nel Vecchio continente e in Italia, al punto da divenire il collante tra ricerca, sviluppo e rinascita economica. Il Grid Computing non serve solo la ricerca scientifica. Industrie e piccole o medie imprese possono collegarsi alla griglia, attraverso sofisticati sistemi di registrazione che attribuiscono al nuovo utente la password di accesso, garantendo la paternit degli studi o dei progetti messi in griglia. I ricercatori impiegati nei laboratori, per esempio di unindustria automobilistica, possono immettere nella Grid i dati su un nuovo modello di auto e simulare il comportamento in una galleria del vento virtuale. La simulazione del progetto e la visualizzazione dei risultati avviene in tempi anche dieci volte pi bassi rispetto a metodi tradizionali, come luso di un semplice pc.

Nel quadro nazionale, il Sud Italia riveste un ruolo chiave grazie allinvestimento di 38 milioni di euro effettuato col Programma operativo nazionale (Pon) 2000-2006 che ha posto le basi per la creazione di quattro grid regionali. I progetti che le hanno sviluppate sono stati il Pi2s2 in Sicilia e coordinato dal consorzio Cometa, Cybersar in Sardegna, Cresco in Puglia e Scope in Campania.

I risultati degli otto anni di lavoro sono stati illustrati dal 10 al 12 febbraio scorso a Catania, al dipartimento di Fisica e Astronomia delluniversit. Un grande successo, ha commentato Roberto Barbera, presidente del comitato tecnico scientifico di Cometa. La grid non pi un progetto, oggi realt, materia. la e-infrastruttura che nel Sud costituisce la Gris, la griglia del Sud.
Chiunque pu connettersi, a costi molto bassi. Imprese e centri di ricerca non hanno bisogno di creare una loro griglia: possono, semplicemente, collegarsi a quella esistente. La griglia permette alle imprese di testare al computer i loro prodotti e di migliorarne le caratteristiche, senza bisogno di realizzarli e poi provarli. I test virtuali garantiscono la migliore riuscita di ciascuna realizzazione. Grid computing vuol dire, quindi, avanguardia tecnologica, innovazione e maggiore competitivit industriale. I campi di applicazione sono numerosi, dallingegneria navale alla medicina, dalla vulcanologia alla farmacologia.
Nel quadro nazionale, la griglia siciliana tra le pi avanzate, con i suoi 2500 processori dislocati tra Catania, Messina e Palermo, e i 250 terabytes di spazio-disco. La sua potenza ha permesso lo sviluppo di applicazioni come quella, in ambito medico, della protonterapia, una tecnica sviluppata a Catania, nel Laboratorio Nazionale del Sud, e unica in Italia. Sfruttando la potenza del ciclotrone, lacceleratore di particelle, unquipe di medici e fisici nucleari ha realizzato una terapia per la cura dei tumori oculari. Il supporto della Grid essenziale perch, attraverso linserimento nei pc dei dati clinici del paziente, permette di studiare in anticipo attraverso adeguate simulazioni al computer la dose e gli effetti del fascio di protoni da applicare al paziente. Anche in questo caso, la griglia garantisce velocit di calcolo superiori oltre alla possibilit di condividere gli studi tumorali con medici di citt molto distanti.

Ma le potenzialit della Grid vanno oltre, si estendono alla bioinformatica, con lo studio della virulenza e della diffusione di virus nelle piante, come il Citrus tristeza, minaccia costante dellagrumicoltura. La velocit di calcolo della Grid permette di analizzare interi genomi virali, riducendo di circa dieci volte i tempi altrimenti necessari con i sistemi tradizionali.
A questa applicazione si aggiunge la progettazione informatica di fitofarmaci: attraverso la conoscenza di componenti genomiche e proteomiche di un patogeno vegetale si possono sviluppare servendosi di software-grid che simulano gli effetti di un farmaco molecole per terapie pi efficaci, di minor impatto ambientale e pi sicuri per la salute umana.

Queste a altre decine di applicazioni fanno di Grid linternet al cubo, lo strumento di ricerca e di produzione di domani. Sebbene il domani sia gi oggi, continua Barbera. Le imprese siciliane e in generale quelle italiane devono capire che la concorrenza e il primato nel mercato passa dallinnovazione tecnologica e quindi dalla Grid. Potenzialmente, anche per la costruzione di una cucina, di una sedia o di un tavolo. Il futuro nelle mani degli enti che finora hanno permesso la nascita delle griglie regionali ma anche, conclude
Alberto Masoni, membro del comitato scientifico di Cybersar, del ministero dellUniversit da cui aspettiamo il finanziamento per il Pon 2007-2013.


 


14/02/2009
NXP NAME DROPPED AS AT-ERICSSON POWER AHEAD
 
 

LONDON — STMicroelectronics NV and Ericsson have named their 50:50 joint venture that combines the efforts of Ericsson Mobile Platforms with ST-NXP Wireless --- ST-Ericsson. They took our tongue-in cheek advice not to call the new group Saint Eric, but, as expected, the NXP name is to be phased out.
The announcement follows the clearance earlier this month of the merger between the companies, which was originally announced last August. The group, with 8,000 employees, will be a powerful force in the wireless semiconductor industry — a key supplier to four of the top five handset manufacturers. Its list of customers includes Nokia, Samsung, Sony Ericsson, LG and Sharp, as well as contracts from and partnerships with many OEMs and ODMs. The venture starts with combined revenues of about $3.6bn in 2008, and about $400 million in cash.
The fabless group will use processing, assembly and test and packaging capability from STMicroelectronics as well as other third-party foundries.
"Thanks to our cumulative experience, unique portfolio and long-standing relationships with the top handset manufacturers, ST-Ericsson has the four fundamental components necessary for success: a commitment to innovation, a complete portfolio of wireless solutions, a solid reputation as a reliable and trusted partner and an experienced management team focused on execution, said Alain Dutheil, President and CEO of ST-Ericsson, in a statement.
Dutheil stressed the merged group has the "scale to invest and bring to market the technologies that will give our customers the momentum to succeed."
About 85 percent of the workforce of the venture will be in R&D, and the combined group has, and will continue to develop, IP and devices for mobile multimedia, connectivity and platform solutions including reference designs for GSM, EDGE, WCDMA, HSPA, as well as TD-SCDMA and LTE.
Its line-up of multimedia and application processors support all major operating systems, and its connectivity and broadcast capabilities span Bluetooth, FM, GPS, WLAN, Near Field Communications and USB.
Headquarteed in Geneva, Switzerland, the ST-Ericsson President and Chief Executive Officer Alain Dutheil is joined in the management team by, amongst others, Robert Puskaric, Deputy CEO, Executive Vice President; Tommi Uhari, Senior Vice President, Products; Abhijit Bhattacharya, Vice President, Operations and Quality; Marc Cetto, Vice President, 2G and Connectivity; Monica De Virgiliis, Vice President, Wireless Multimedia ; Jörgen Lantto, Vice President, Mobile Platforms and CTO; and Pascal Langlois, Vice President, Sales.

 
 
     

EETIMES

 
10/02/2009
CHIMICA, CRISI SENZA PRECEDENTI
 
 

"Una crisi strutturale e di mercato senza precedenti". Non ha certo usato mezzi termini la Femca-Cisl, la federazione lavoratori chimici per descrivere, per bocca del segretario territoriale Renato Avola, la situazione che vive il comparto nel nostro territorio provinciale. "Una situazione generale produttiva - precisa nella relazione che ha aperto ieri mattina il congresso della categoria -che non trova purtroppo riscontri precedenti cos negativi. Siamo di fronte -spiega - ad una diffusa difficolt nel poter rimettere in moto l'economia derivante dai diversi settori rappresentati all'interno del comparto, sostanzialmente devastato da una crisi di mercato nazionale ed internazionale senza precedenti che pone in gravi difficolt la stragrande maggioranza delle aziende del settore, le quali a vario titolo, soffrono questa preoccupante tendenza negativa, ponendo a grave rischio la propria sostenibilit, con conseguenti ed inevitabili effetti laceranti nelle scelte imprenditoriali...(La Sicilia 10/2/2009)

 
   
     

La Sicilia

 
21/01/2009
MICROSENSOR: LA PRIMA SPIN-OFF PARTECIPATA DA UNIVERSITA' DI CATANIA
 
 


E' stata costituita a Catania la nuova societa' a responsabilita' limitata denominata MicroSensor srl.

La MicroSensor srl e' una societa' di "Spin-Off della Scuola Superiore dell'Universita' di Catania", la prima in Sicilia partecipata dall'Universita', che opera nei settori dell'avanguardia Hi-Tech per la ricerca e sviluppo di sensoristica innovativa in grado di soddisfare le crescenti esigenze di controllo e monitoraggio in tanti settori applicativi, quali la sanita', l'automotive, ma anche per la sicurezza ambientale e sul lavoro, e in tantissime altre applicazioni, per giungere all'industrializzazione di nuovi prodotti.

L'Universita' di Catania considera di primaria importanza il valore Tecnico-Scientifico-Industriale degli SpinOff e dell'attivita' proposta dalla srl, al punto tale da partecipare al consiglio d'amministrazione, con la Prof. Maria Luisa Carnazza - proRettore dell'Ateneo - ed al capitale sociale tramite la Scuola Superiore - come fortemente voluto dal suo presidente Prof. Enrico Rizzarelli.

La MicroSensor il primo Spin-Off Universitario che oltre alla partecipazione dell'Universita' ha un'ampia compagine sociale formata da Scienziati, Tecnologi e P.M.I. aderenti ad APINDUSTRIE, che molto si spesa per avviare questo processo di aggregazione e collaborazione tra il mondo della Ricerca ed il mondo Industriale; a sottolineare il ruolo delle Piccole Industrie, la presidenza stata affidata a Carlo Campisano, Vicepresidente con delega alla ricerca industriale dell'Associazione.

Lo SpinOff, anche se appena costituito, ha gia' raggiunto notevoli traguardi avviando preliminari accordi di collaborazione con lo stesso Ateneo Catanese, con la Scuola Superiore, ma anche con la STM e con altri EPR operanti sul territorio, quali INAF, CNR e CReSM.

I proponenti sono stati il prof. Gaetano Palumbo e Alberto Campisano, entrambi afferenti alla facolta' d'ingegneria, quasi a sottolineare l'esplicita volonta' dell'attuale Preside prof. Luigi Fortuna, ma anche dal suo past prof. Antonino Recca, oggi Magnifico Rettore, a mettere in rete le conoscenze ingegneristiche e scientifiche dell'Ateneo Catanese, contribuendo alla crescita del territorio.

A conferma della volonta' a rafforzare la rete scientifico/industriale della cosiddetta Etna Valley bisogna anche ringraziare la professoressa Margherita Poselli (Liaison Office), l'On. Giuseppe Castiglione (Provincia regionale di Catania) ed il dott. Giuseppe Scuderi (CONFAPI Sicilia); lo SpinOff stato tra i vincitori 2008 di StartCup Universita' di Catania e di Etna Valley Award, premio attivato dalla Provincia di Catania con APINDUSTRIE.

In questo periodo di crisi, si finalmente avviato un concreto primo germe per una sempre piu' ampia collaborazione tra il mondo Scientifico/Accademico ed il mondo Industriale, era ora che qualcuno prendesse un'iniziativa e avviasse un nuovo processo di reale sviluppo sul territorio; non resta altro che attendere i risultati ed augurare a tutti un buon lavoro.

 
 
     

 
30/12/2008
INTESA ST - SHARP POSITIVA, MA L'AZIENDA TACE
 
 

L'accordo Sharp - Enel -StMicroelectronics? I 450 milioni del contratto di programma da parte del Governo? Sono belle novita', ma perche' l'azienda continua a tacere sull'argomento? E' piu' o meno questo il tono del commento della Cisl catanese all'annuncio del sottosegretario allo Sviluppo economico Adolfo Urso che ha affermato nel corso di un incontro con il sindaco Raffaele Stancanelli che Catania si appresterebbe a divenire, gia' nei primi mesi ndel 2009 il Polo del fotovoltaico grazie all'accordo fra i tre colossi e all'appoggio del Governo.
"E' una notizia positiva - dicono il segretario della Cisl etnea Alfio Giulio e del segretario provinciale della Fim-Cisl Rosario Pappalardo - per l'opportunita' di sviluppo che offre. Ma l'azienda ancora tace. Attendiamo di approfondire la questione nell'incontro al ministero. "Che Catania diventi un polo europeo per il fotovoltaico e' certamente un fatto positivo – specifica Pappalardo – anche se ufficialmente la StM non ci ha comunicato niente...

 
   
     

La Sicilia

 
[]
[]