News dall'Etna Valley  

I nostri articoli e i titoli degli articoli  che trovate nella rassegna stampa

 
28/11/2012
DINO, GENIO INFORMATICO CHE ITALIA HA PERDUTO
 
 

LONDRA - E pensare che al concorso dell'universita' di Pisa, qualche anno fa, lo avevano bocciato. Non che Dino Distefano, laurea in informatica, non meritasse di entrare nei ranghi della ricerca. Anzi. Ma si sa come funzionano certe cose in Italia. I docenti hanno i loro protetti (qualche volta con le carte in regola) e il risultato è che chi è fuori dal circolo del «barone» deve scansarsi: si partecipa per il gusto di provare e poi si cambia strada.
La soddisfazione di Dino Distefano è di non avere mollato. Tappa numero uno in Olanda e porte aperte. Tappa finale in Inghilterra, porte ancora più aperte. Se era andata male a Pisa perchè non insistere lontano dall'Italia dove le raccomandazioni non contano?». Il risultato è che giovedì sera alla Royal Society di Londra, il gotha della scienza britannica, sarà  proprio questo 39enne da Biancavilla (Catania) a salire sul palco per tenere una lezione e per ritirare il «Roger Needdham award», che è una sorta di Nobel dell'informatica (assieme al «Turing award») assegnato a quanti si sono distinti nei dieci anni successivi al conseguimento del dottorato (il Phd).
Dimenticato o respinto dall'Italia. Abbracciato dalla comunità  scientifica mondiale e londinese, il nostro genio è diventato professore ordinario alla Queen Mary University. E un motivo c'è. Il computer, Dino Distefano, ha cominciato a maneggiarlo quando «le tecnologie erano ancora nell'età  della pietra e ci divertivamo col mitico Commodore». Adesso Dino Distefano, lavorando di equazioni, di logica e di algoritmi, ha inventato e brevettato il «software dei software» che è la «medicina preventiva» per impedire che i grandi sistemi vadano in tilt...
(Segue su http://www.corriere.it/tecnologia/12_novembre_27/dino-app-genio-informatico_fee987e6-386e-11e2-a2c7-8d9940659020.shtml)

 
   
     

Corriere.it

 
06/10/2012
UN MIGLIAIO IN SCIOPERO DAVANTI I CANCELLI DELLA ST
 
 

Un migliaio di lavoratori hanno scioperato e manifestato ieri davanti ai cancelli della STmicroelectronics per chiedere certezze per il loro futuro. Una protesta che ha paralizzato, ieri tutta la microelettronica in Italia, su iniziativa di Fim, Fiom E Uilm, per ricordare la strategicità del settore, già riconosciuta dalla maggior parte dei paesi industrializzati e invece, secondoi sindacati, sottovalutata, negli ultimi anni, dal nostro governo. «Come ST di Catania chiediamo - hanno scritto le RsU di Fim, Fiom e Uilm in una nota - di riequilibrare gli investimenti tra nord e sud Italia, negli ultimi anni al nord sono state assunte oltre 400 persone mentre al sud non vengono rimpiazzati nemmeno i pensionamenti, al nord si fanno investimenti di centinaia di milioni di euro per raddoppiare la produzione, mentre al sud sono stati chiusi due reparti riducendo la produzione e non sono stati completati nemmeno i piccoli investimenti necessari per la loro riconversione. Non a caso tra i siti italiani il nostro é l’unico che è già al terzo ciclo di cassa integrazione in poco più di un anno. La nostra realtà cittadina e regionale e’ ormai al collasso, la perdita o anche solo il ridimensionamento di una realtà come ST, attorno alla quale gravitano più di diecimila famiglie, sarebbe inimmaginabile, considerando ad esempio che l’ammontare degli stipendi annui, e quindi dei soldi che vengono spesi nel territorio si aggira sui 200 milioni di euro l’anno »...

 
   
     

La Sicilia

 
04/08/2012
A CATANIA UNA NEWCO PER SALVARE NOKIA - SIEMENS
 
 

Una Newco con 18 aziende per dare "speranza concreta per i lavoratori della Nokia-Siemens di Catania". E' quanto prospetta il vice segretario nazionale dell'Ugl Metalmeccanici, Luca Vecchio, al termine di un incontro in prefettura a Catania, spiegando che "l'intento è quello di fare in modo che si possa realizzare una società  nel settore delle telecomunicazioni, valorizzando le professionalità  che vi operano e favorendo un percorso di sviluppo per un territorio già  fortemente colpito dalla crisi".
Diciotto aziende del Consorzio Etna Valley, attraverso il presidente Salvatore Raffa, hanno espresso infatti la volontà  di creare una Newco, al fine di salvaguardare professionalità  e occupazione. Ora, riferisce Vecchio, "bisognerà  attendere il prossimo incontro, previsto prima della riunione convocata al Mise per il 7 settembre, tra l'azienda e il Consorzio, per conoscere i dettagli sulla creazione di questa Newco".
"Seguiremo con attenzione - conclude il sindacalista - l'evolversi della vicenda e continueremo a essere al fianco dei lavoratori che ora hanno bisogno di risposte concrete su quale sarà  il loro futuro".

 
   
     

La Siciliaweb.it

 
 
03/08/2012 ARTIGIANATO
PROGETTO DA 26 MILIONI DI EURO PER 49 AZIENDE DEL DISTRETTO “ETNA VALLEY”


Si è svolta in Confindustria Catania la riunione di start up del piano di sviluppo di filiera del Distretto Etna Valley guidato da Salvo Raffa. Presentato alle imprese il progetto denominato Smart Grid: Power & Ict, recentemente approvato dall'assessorato alle Attività produttive della regione Sicilia.
Il progetto vede convergere interessi scientifici ed industriali di 49 aziende del distretto Etna Valley attorno alle due principali direttrici che sono appunto quelle dell'energia e delle tecnologie informatiche ICT, integrate in una filiera intelligente per lo sviluppo di tecnologie destinate a migliorare ogni fase del ciclo energetico, dalla generazione fino all'accumulo, al trasporto, alla distribuzione, alla vendita e, soprattutto, al consumo intelligente di energia, vedendo cosi la città di Catania coinvolta in un processo di sperimentazione di una vera e propria Smart City.
Questo connubio fra ICT ed Energia viene comunemente identificato con il termine Smart Grid. per enfatizzare l'aspettativa di un cambio di paradigma, una rivoluzione strutturale e tecnologica verso una rete capillare che trasporta energia, informazione e controllo, composta da dispositivi e sistemi altamente integrati. La Smart Grid, dovrà quindi appoggiarsi su una rete capillare di comunicazione che fornisca non solo la connettività fra i dispositivi, ma che diventi anche abilitatrice di nuovi servizi energetici a valore aggiunto.
Il progetto del valore di 26 milioni di euro, cofinanziato con risorse provenienti dal Po Fesr Sicilia 2007/2013, si pone quindi l'obiettivo generale di sviluppare le tecnologie per la gestione intelligente di una mini-rete territoriale privata, interconnessa a quella pubblica, per il controllo, il monitoraggio e a gestione dei consumi, ma anche per la generazione distribuita di energia prodotta da fonte rinnovabile in grado di garantire alte prestazioni in termini di efficienza energetica e di un uso ottimale della rete elettrica di distribuzione.

"Nel progetto di filiera del distretto Etna Valley - afferma il presidente Salvo Raffa - si è trovata la maniera di mettere a fattore comune know-how, competenze consolidate, specifiche infrastrutture e capacità tecnico - scientifiche di ricerca e di innovazione in armonia con la vocazione tecnologica dello aziende che lo compongono e del territorio che lo ospita. La coniugazione di queste risorse, stimolate dalle possibilità aperte dal bando di filiera, ha costituito il batterio elementare che, oggi sulla carta, domani nella realtà, determinerà l'aggregazione a più livelli e renderà il Distretto più agile nell'affrontare con la flessibilità di una piccola azienda e la capacità di massa critica di una grande struttura, i mercati di riferimento". “La creazione di una 'casa comune' non sempre solamente virtuale – prosegue Raffa -, il mettere a fattore comune laboratori di ricerca, test e prototipazione, la creazione di gruppi di ricerca, sono tutti fattori che determineranno un fenomeno virtuoso di rete di impresa che, se ben alimentato, sarà elemento determinante del successo del territorio".
Nel corso della riunione è stato presentato il nuovo Patto di distretto Etna Valley al quale ha aderito Confindustria Catania, rappresentata per l'occasione dai vicepresidente Antonello Biriaco, delegato del presidente Domenico Bonaccorsi.

(da “Imprenditori oggi” 24/7/2012)
 


PIANO DI FILIERA "POWER & ICT"

Il Piano di Filiera "Power & ICT" metterà a disposizione delle aziende una rete dati e laboratori per svolgere attività di ricerca e di prototipazione.
Il piano si articola in tre principali progetti:

- ETNA VALLEY ADVANCED NETWORK (EVAN)
- SMART ETNA VALLEY ENERGY SOLUTIONS (SEVES)
- CLOUD COMPUTING (CLOUD)

Eccone una breve descrizione:
EVAN -  It provides advanced telecommunication services, multi-sensory monitoring, broadband services: TLC over IP and mobile network; remote control and security; environmental monitoring; remote control of renewable energy systems; IP video streaming and multicasting; vidéoconférence and e-learning; business processing. The platform takes advantage of a WIMAX experimental laboratory that creates a broadband network and a multifunctional device (M.C.U.) equipped with wireless connection (WIMAX, Zigbee, GSM/GPRS and RFID) and specific sensors.
 
SEVES - Integrated system for energy production from advanced PV modules, intelligent energy management, from efficiency to transport, accumulation and consuption reduction.
 
CLOUD -  Etna Valley Data Network is a platform defined as a "Software As A Service" (SAAS): a software delivery model in which software and associated data are centrally hosted on the cloud. SAAS is typically accessed by users using a thin client via a web browser. The platform is a common delivery model for many business applications, that can be used by users located with different clients in the clouds.

 


 

28/06/2012
A SCUOLA DI STARTUP TRA SICILIA E CALIFORNIA
 
 

Mind the Bridge Italy Tour 2012, ponti che creano valore


Dopo Trento, il Mind the Bridge Italy Tour 2012 arriva a Catania: il 29 giugno, al centro fieristico "Le Ciminiere" sala C3, si svolgerà  per l'intera una giornata l'evento dedicato alla formazione imprenditoriale, volto a far incontrare il meglio della creatività  italiana con i capitali della Silicon Valley. I giovani e le imprese locali avranno la possibilità  di presentare le proprie idee di business e di aggiudicarsi per questa estate un posto alla Startup School di Mind the Bridge, a San Francisco.
"Quest'anno non poteva mancare una tappa al sud dove, come anche dimostrato dal successo di iniziative come startup weekend, c'è un grande fermento imprenditoriale e una forte domanda di formazione in ambito startup" commenta Alberto Onetti, Chairman della Fondazione -. Quindi siamo felici di sbarcare a Catania e orgogliosi di avere coinvolto nella tappa del nostro Tour i principali fondi italiani che investono sulle imprese del Sud Italia. D'altronde la Sicilia, con Barbara Labate e i ragazzi di eRalos3, ci ha già  dato in passato delle grandi soddisfazioni, per cui non vediamo l'ora di conoscere i prossimi talenti di quest'isola.
Programma e mappa su www.mindthebridge.org e www.ethyca.net

 
   
     

 
 
29/05/2012
FERMENTO NELL'ETNA VALLEY
 
 

C'è fermento nell'Etna Valley: con due iniziative svoltesi a distanza di un giorno, la scorsa settimana Catania è stata sotto i riflettori nazionali per quanto riguarda il mondo delle start-up. Giovedì 24 maggio il "Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia" ha organizzato "Smart4Sicily Community" - incontro informale, durante un aperitivo, per uno scambio di idee tra studenti, ricercatori, imprenditori, startupper, business angels, innovatori - e da venerdì 25 a domenica 27 si è tenuto lo "Startup Weekend Catania", un inedito evento organizzato da Peppe Sirchia, Rocco Micciché e Alessio Vasta, secondo un format della Kauffman Foundation. L'originalità dell'evento sta nel fatto che nell'arco di 54 ore i partecipanti, prima presentano in modo estremamente sintetico (appena 60 secondi) ciascuno la propria nuova idea imprenditoriale; poi, dopo una selezione fatta con il voto di tutti i partecipanti, le idee che sono piaciute di più vengono approfondite in team, coinvolgendo tutti, per diventare alla fine del weekend progetti di massima da presentare agli investitori (alcuni dei più importanti investitori italiani erano presenti alla gara finale) e tra essi viene scelto il vincitore.
La formula ha entusiasmato e c'è stata un'avvincente competizione finale tra i vari team. Vincitrice è stata l'idea-progetto "Te l'avevo detto", per un social network dedicato ad aspiranti oracoli-profeti-guru!
Ma erano molte le novità e per questo vi rimandiamo al sito catania.startupweekend.org.

Ci sembra molto interessante il fatto che - proprio come fosse diretta emanazione del nostro vulcano - dopo aver fatto un lungo percorso ingrottato, questo magma creativo sia di nuovo venuto fuori nell'Etna Valley: segno che il nostro distretto tecnologico è ancora molto fertile e pronto a dare nuovi frutti.

Ma, a questo proposito, non è sfuggito il consiglio che Giovanni Giuffrida, Ceo di Neodata - una delle aziende ex-startup siciliane oggi casi di successo internazionale, presenti al weekend per dare i loro contributo d'esperienza - ha voluto dare ai giovani startupper presenti: quello di creare, innovare, produrre qui in Sicilia ma rivolgendosi al mondo intero, per trovare anche (soprattutto) altrove buone opportunità per sviluppare al meglio il proprio business. L'esperienza insegna.

 
 
     

Redazione

 
 
29/05/2012
CATANIA STARTUP WEEKEND
 
 
 

Dall'idea all'impresa, per il futuro «non c'è problema»



C'è chi vuole trasformare in realtà  l'uovo di Colombo del commercio: «Rendere la filiera produttore consumatore più breve limitando l'incremento dei prezzi e massimizzando la qualità del prodotto. Come? Puntando sul web, naturalmente. C'è chi vuole fare impresa attraverso il risparmio, anche minimo, sui consumi di tutti i giorni e chi invece è convinto di poter fare i soldi con le opinioni. C'è chi punta sul burlesque (ma le "Olgettine" e il Cav. non c'entrano, è un progetto imprenditoriale serio) attraverso «spazi reali e virtuali dedicati ad arte e spettacolo». Ma anche chi è convinto di poter rivoluzionare il mercato del vino «con un'idea che punta alla salvaguardia dell'ambiente». All'epoca in cui sentiamo parlare di "start up" quasi con la stessa frequenza con cui ci propinano la parola "spread", Catania è stata - per un intero fine settimana, al Busy Bureau della zona industriale - la capitale degli "startupper" più brillanti e innovativi d'Italia. Senza filtro, senza intermediazioni accademiche o istituzionali: tutto in tre giorni. Una gara di idee, una
velocissima cavalcata per trasformare uno spunto nel proprio futuro...

 
   
     

La Sicilia

 
28/05/2012
BURN TIME
 
 
 

"Burn time", il tempo non va sprecato ma ottimizzato. Che si tratti di un ufficio pubblico o di una segreteria studenti il problema è sempre lo stesso: l'interminabile fila allo sportello. L'attesa è finita, nel senso più stretto della parola, perchè c'è un modo veloce e funzionale per visualizzare in tempo reale l'afflusso degli utenti, inserendo il numero del proprio turno e attendendo l'avviso "adesso tocca a voi". Tempo prezioso recuperato con un solo clic, grazie a un'applicazione per smartphone o tablet: per saperne di più rivolgersi a un gruppo di giovani studenti ideatori della start-up vincitrice della Business Plan Competition 2012, organizzata all'interno del "Corso Imprenditorialità  Nuove Imprese & Business Planning" della Facoltà  di Economia di Catania...

 
   
     

La Sicilia

 
12/04/2012
STARTUP WEEKEND CATANIA
 
 

Dal 25 al 27 Maggio 2012 si terrà  a Catania - presso il Business Centre Beasy Bureau (www.beasybureau.com) Stradale Primosole SS 114 68/b Zona Industriale - lo "Startup Weekend", una grande opportunità  d'incontro per tutti coloro che hanno delle idee e non sanno come fare per tradurle in realtà , ma anche per startup già  esistenti che sono alla ricerca di persone per ampliare il proprio team e vogliono incontrare investitori e partner. Startup Weekend è un grande laboratorio che riunisce persone con formazione ed esperienze diverse: sviluppatori, designer, esperti di business e marketing, product manager e in generale tutti coloro che operano o nutrono un interesse per il mondo del web, del mobile, dell'IT e dell'innovazione in genere.
Lo Startup Weekend di Catania è organizzato da Rocco Miccichè, Alessio Vasta e Peppe Sirchia con il forte supporto di diverse realtà  presenti nel territorio siciliano tra cui Lorenzo Sfienti (Indigeni Digitali), Andrea Cannella (GTUG Catania), Beasy Bureau, ISS Sicilia, YHC Student Incubator, Ethyca, E-ludo Lab, Yourinspirationweb, Confidustria Giovani Catania. L'evento è ufficialmente promosso dall'organizzazione internazionale "StartupWeekend.org" e dalla Fondazione Kauffman.
Per maggiori informazioni...

 
   
     

 
03/04/2012
ASSORETIPMI: ASSOCIAZIONE PER LE RETI DI PMI
 
 

L'ASSOCIAZIONE RETI DI IMPRESE PMI, ASSORETIPMI, nasce con l'obiettivo di favorire la creazione di opportunità  di sviluppo sia per le Imprese che per i Professionisti che le affiancano, con un preciso riferimento alle reti di imprese e all'adozione dello strumento legislativo dato dal Contratto di Rete. Attraverso la creazione di Delegazioni Territoriali e di Sportelli di Rete dedicati, ASSORETIPMI punta sulla creazione di reti di esperti nelle diverse aree geografiche d'Italia, specializzati per settore e competenza professionale. Il Delegato Territoriale della Sicilia, nominato dal Consiglio Direttivo di ASSORETIPMI, è Giuseppe Finocchiaro.
La sede della Delegazione Territoriale della Sicilia di ASSORETIPMI è a Catania, via Mogadiscio n. 5, Tel. 095 7159533, fax 06 233237912, e-mail g.finocchiaro@assoretipmi.it.

 
   
     

 
 
13/01/2012
SECONDO INCONTRO DEL BRIDGE CATANIA E SILICON VALLEY PROMOSSO DALL'UNIVERSITA DI CATANIA
 
 

Dopo il successo della prima conferenza con Gioacchino La Vecchia, CEO di Crowdengeneering, il quale ha raccontato ai ragazzi come fare una startup di successi che opera nel mercato enterprise, continuano le conferenze per il Catania Silicon Valley StudyTuor.
Giorno 17 gennaio 2012 alle ore 15 presso l'Aula Magna del Dipartimento di Matematica e Informatica dell'Università  di Catania (viale Andrea Doria 6) Giuseppe Suriani, CEO di eRALOS3 (www.eralos3.com) racconterà  come partendo da zero sta cercando di costruire una startup. eRALOS3 intende rendere l'individuo energeticamente indipendente attraverso l'innovazione nel campo delle celle solari fotovoltaiche, realizzando prodotti caratterizzati dalla loro estrema leggerezza, flessibilità , versatilità  e dalle innovative applicazioni su abbigliamento, accessori ed oggetti. Hanno avuto vari riconoscimenti sia a livello nazionale che internazionale.
Il Catania Silicon Valley Study Tuor è un ciclo di conferenze di "nuova imprenditorialità" tenute da giovani startupper, organizzate dal 2003 nelle maggiori Università  italiane dall'Associazione La Storia nel Futuro www.storianelfuturo.org.
Rappresenta infatti un ponte tra esperienze di imprenditori siciliani che stanno cercando di costruire una startup di livello internazionale e che già  guardano al mercato globale che ha nella Silicon Valley i maggiori modelli di startup ( da HP a Cisco, da Google a Facebook). Dopo 4 conferenze, tra i partecipanti che animeranno la discussione in inglese sui temi affrontati nelle conferenze in un Forum Catania Silicon Valley, già  aperto sul Social N e t w o r k www.siliconvalleystudytour.com , ne verranno selezionati alcuni che parteciperanno, insieme a colleghi selezionati da progetti analoghi in altre Università  italiane, al Silicon Valley Study Tour 2012 a fine agosto.
Il progetto è sostenuto da quattro Docenti dell'Università  di Catania: Davide Bennato (Dipartimento di Scienze Umanistiche), Alfio Lombardo (Dipartmento di ingegneria delle Telecomunicazioni), Franco Barbanera, Alessandro Basile (Dipartimento di Informatica e Matematica. Il programma del ciclo Catania Silicon Valley prevede, tra gennaio e febbraio, interventi di altre giovani e brillanti start-up Siciliane come A-Tono, Beintoo, Risparmio Super, eRALOS33. Il progetto è sostenuto da aziende, associazioni ed Enti. Nei prossimi mesi si confermerà  il sostegno al Tour del Ministero degli Affari Esteri che ha già  contributo nel 2010 al progetto di Silicon Valley Study Tour per studenti palermitani grazie all'accordo con NIAF, National Italian American Foundation ed al ruolo di liason svolto da Francesca Spataro, presidente dell'associazione Ethyca di Palermo.
Per maggiori informazioni Paolo Marenco Presidente Associazione La Storia nel Futuro®
marenco@storianelfuturo.org, www.storianelfuturo.org, cell +39 335 6930552

 
   
     

 
 
17/12/2011
PARTE IL BRIDGE CATANIA SILICON VALLEY
 
 

Il 21 dicembre si apre con Crowdengineering, una start-up tra la Sicilia e la Silicon Valley.
L'obiettivo è molto chiaro: aprire la mente dei giovani universitari a 360°. Cosa che conferma Rocco Miccichè, giovane ingegnere informatico siciliano che dopo aver partecipato al Silicon Valley Study Tour 2010 è stato talmente coinvolto dall'esperienza che è già  mentore dei suoi colleghi di pochi anni più giovani. E' così che il ciclo di conferenze di "nuova imprenditorialità" tenute da giovani start upper, organizzate dal 2003 nelle maggiori Università  italiane dall'Associazione La Storia nel Futuro www.storianelfuturo.org sbarca a Catania il 21 dicembre. Il progetto non a caso si chiama Catania Silicon Valley Study Tour. Rappresenta infatti un ponte tra esperienze di imprenditori siciliani che stanno cercando di costruire una startup di livello internazionale e che già  guardano al mercato globale che ha nella Silicon Valley i maggiori modelli ( da HP a Cisco, da Google a Facebook).
Dopo 4-5 conferenze aperte da Gioacchino La Vecchia, fondatore di Crowdengineering, il 21 dicembre alle ore 14:30 aula 126 presso il Dipartimento di Matematica e Informatica dell'Università  di Catania (Città  Universitaria, viale Andrea Doria 6), tra i partecipanti che animeranno la discussione in inglese sui temi affrontati nelle conferenze in un Forum Catania Silicon Valley, già  aperto sul Social Network www.siliconvalleystudytour.com, ne verranno selezionati alcuni che parteciperanno insieme a colleghi selezionati da progetti analoghi in altre Università  italiane al Silicon Valley Study Tour 2012 a fine agosto.
Il progetto è sostenuto da aziende, associazioni ed Enti. Nei prossimi mesi si confermerà  il sostegno al Tour del Ministero degli Affari Esteri che ha già  contributo nel 2010 al progetto di Silicon Valley Study Tour per studenti palermitani grazie all'accordo con NIAF, National Italian American Foundation ed al ruolo di liason svolto da Francesca Spataro, presidente dell'associazione Ethyca di Palermo.
Il progetto è sostenuto e sponsorizzato da quattro professori dell'università  di Catania, Davide Bennato(facoltà  di Sociologia), Alfio Lombardo (ingegneria delle Telecomunicazioni), Franco Barbanera, Alessandro Basile (Dipartimento di Informatica e Matematica.)
Il programma del ciclo Catania Silicon Valley prevede, tra gennaio e febbraio, interventi di altre giovani e brillanti start-up Siciliane come A-Tono, Beintoo, Risparmio Super, eRalos3.

Per maggiori informazioni Paolo Marenco Presidente Associazione La Storia nel Futuro marenco@storianelfuturo.org, www.storianelfuturo.org, cell +39 335 6930552

 
   
     

 
 
22/11/2011
NANOTECNOLOGIE, IL FUTURO NEI SISTEMI DI CARBONIO A BASSA DIMENSIONALITA
 
 

Un workshop internazionale del CNR-IMM a Catania illustra le nuove applicazioni nella tecnologia, nella medicina e nell'industria

Dal 5 al 7 dicembre 2011 scienziati e ricercatori provenienti da tutta Europa e dal Nord America si daranno appuntamento al Museo Diocesano di Catania (P.zza Duomo - Via Etnea, 8) per "Carbomat" , il workshop internazionale sui sistemi di carbonio a bassa dimensionalità  (nanotecnologie), organizzato da Silvia Scalese e Antonino La Magna, ricercatori dell'Istituto per la Microelettronica e Microsistemi del Consiglio Nazionale delle Ricerche, sezione di Catania. "Carbomat", che per il secondo anno consecutivo ha scelto la città  etnea come location, rappresenta un importante momento di confronto tra studiosi di fama mondiale sui risultati raggiunti dalla ricerca nel campo delle nanotecnologie. Ma anche un'interessante occasione d'incontro tra la ricerca scientifica di base e l'industria tecnologica.
Interverranno, tra gli altri, i professori Eleanor E. B. Campbell (Edinburgh University, UK), Franco Cataldo (Actinium Chemical Research srl), Vladimir I. Falko (Lancaster University, UK), Miklos Kertesz (Georgetown University, USA), Michele Lazzeri (IMPMC Paris, Francia), Michele Penza (ENEA Brindisi) e Maurizio Prato (Università di Trieste). Gli interventi saranno coordinati da Silvia Scalese e Antonino La Magna.
Al centro del workshop saranno i temi relativi ai materiali nanostrutturati a base di carbonio (nanotubi, fullereni, catene lineari, grafene) e alle possibili applicazioni nel campo della tecnologia. Gli ambiti di applicazione dei nuovi ritrovati spaziano dai sensori ambientali e biologici alle nanotecnologie, dalle energie rinnovabili alla diagnostica, dagli agenti antimicrobici alle membrane, ecc. Grazie alle loro eccezionali proprietà  elettroniche, termiche e strutturali, infatti, i materiali nanostrutturati a base di carbonio rappresentano il futuro per la fabbricazione di dispositivi elettronici "post-Silicon" e "non-Silicon", basati cioè¨ su una tecnologia alternativa al silicio. Una sessione speciale del workshop, inoltre, sarà  dedicata alla sensoristica e alle interazioni tra nanostrutture di carbonio con gruppi chimici e molecole funzionali.
Info e contatti:
CNR - Istituto per la Microelettronica e Microsistemi
Zona industriale Ottava Strada, 5 - 95121, Catania
Tel: +39 095.5968211; Fax: +39 095.5968312
E-mail: carbomat@imm.cnr.it
http://carbomat.imm.cnr.it

 
   
     

 
08/10/2011
COSI MI SONO INVENTATA IMPRENDITRICE
 
 

L'idea risale al periodo in cui era studentessa. Dopo la laurea in Scienze politiche, conseguita a Messina, si era trasferita a New York per frequentare, con una borsa di studio della Fulbridgt, il master biennale in "Comunicazione e business". Era partita con il progetto di intraprendere la carriera diplomatica, ma aveva cambiato prospettiva con l'esplosione di internet. Oggi, a 35 anni, Barbara Labate, con il socio Zion Nahum - un italo-israeliano esperto in web - ha fondato e lanciato un'impresa ad alto contenuto innovativo. E lo ha fatto a partire dalla Sicilia. L'idea imprenditoriale vincente e' quella di aiutare i consumatori a scegliere, quando fanno la spesa al supermercato, le occasioni più convenienti. [...] Questo e' l'obiettivo del sito www.risparmiosuper.it che analizza e confronta 45 marchi della grande distribuzione organizzata monitorando 10.000 punti vendita e aggiornando i prezzi ogni giorni...

 
   
     

 
08/10/2011
IL FONDO PER L'INNOVAZIONE
 
 

"Ingenium". La Provincia investe in quote delle nuove societa'

La giovane impresa che ha lanciato l'idea imprenditoriale e il sito risparmiosuper.it e' la prima ad usufruire del finanziamento del fondo "Ingenium- Provincia di Catania" costituito - con risorse comunitarie per un capitale di rischio di 3 milioni di euro - appositamente per sostenere la fase iniziale della nascita di giovani imprese innovative. Una scelta anch'essa innovativa rispetto ai vecchi, e clientelari, contributi a pioggia.
Lo stanziamento a sostegno dello start-up delle giovani imprese non e' un finanziamento agevolato, ma un vero e proprio investimento - per il 70% con fondi pubblici e per il 30% con fondi privati - con il quale la Provincia acquisisce le quote societarie della nuova impresa divenendone socia nel periodo di maggiore incertezza e fragilita'. Dopo un periodo di massimo cinque anni, quando l'impresa camminera' sulle proprie gambe realizzando profitti, il socio pubblico vendera' le proprie quote, realizzando delle plusvalenze che reinvestira' nel fondo destinato al sostegno alle giovani imprese. Un circolo virtuoso a vantaggio dei giovani con competenze che intendono scommettersi nel mondo dell'impresa. L'investimento nel sito risparmiosuper.it e' stato di 400.000 euro, ed e' il primo progetto imprenditoriale finanziato con il fondo "Ingenium" in un lasso di tempo particolarmente breve, quasi 7 mesi contro i 18 che sono stati necessari a Bologna per analoga iniziativa....

 
   
     

"La Sicilia"

 
[«]
[»]